OpinionCIATTI
HOPE

HOPE

Una speciale installazione di Lapo Ciatti per Design on Water di LUISAVIAROMA

“Cima: in marina, estremità d’una fune; e genericamente ogni cavo di fibra vegetale di medie dimensioni utilizzata nella manovra di attracco o per legare/trainare un altro galleggiante al fine di poterlo prendere a rimorchio”

E’ da qui, dal significato letterale della parola cima, che ha tratto ispirazione Lapo Ciatti nella progettazione di Hope l’istallazione realizzata nell’ambito del progetto Design on Water la collettiva che LUISAVIAROMA, concept store e e-tailer d'alta gamma conosciuto a livello mondiale, ha dedicato al design in occasione di Firenze4Ever, l’appuntamento che due volte l’anno vede riuniti a Firenze i più importanti brand di moda, blogger e influencer per dar vita a progetti, idee creative e collaborazioni.

Concept

L’edizione numero 13 di Firenze4Ever da un lato voleva essere un chiaro omaggio a Firenze, nel cinquantesimo anniversario dell’alluvione che nel 1966 la sommerse, e dall’altro desiderava porre attenzione sulla crisi dei migranti che negli ultimi anni il nostro continente è chiamato ad affrontare. LUISAVIAROMA ha quindi invitato Lapo Ciatti e un selezionato gruppo di artisti e designer, a riflettere sulle possibili interconnessioni tra l’immane tragedia che è oggi rappresentata dalla crisi dei migranti e l’elemento fisico dell’acqua. Intesa come simbolo di distruzione e rinnovamento, speranza e solidarietà.

Progetto

Hope nasce quindi da una reinterpretazione de La Cima3, l’iconico appendiabiti in corda nautica intrecciata e dal significato del termine stesso “cima”; solido ancoraggio usato per assicurare in porto le navi alla banchina ma anche, in caso di necessità, sostegno da gettare in mare e al quale aggrapparsi. Hope è stata così realizzata con 19 cime bianche - sospese tra cielo e terra - e 2 speciali pouf, nati anch’essi dall’intreccio della corda. 19 appigli da afferrare come estrema salvezza, 2 zattere da conquistare per mettersi al riparo dalla furia del mare: metafora, neanche troppo celata, del sostegno da offrire non solo durante la navigazione ma nella vita di ogni giorno. Cime come ponti verso una speranza di vita migliore lontana da guerre, persecuzioni e carestie. A rompere il bianco assoluto, colore della luce e della speranza, al posto dei ganci appendiabiti, un’esplosione di fiori di latta rossi realizzati da Fiori di Latta. Papaveri da sempre simbolo del conforto e della consolazione, imperituri perché non soggetti alla caducità del tempo e rossi come l’amore, l’unica forza capace di superare ogni avversità. In mare e in terra.
A fare da sottofondo le note di “Time waits for no man” di Lisa E. Harris, la soprano statunitense riconosciuta dall’Huffington Post come “una dei 14 artisti che stanno trasformando l’Opera”. Una melodia che parafrasando le parole stesse della cantante vuole essere una risposta artistica alle tragedie che colpiscono nei nostri mari, con sempre maggiore frequenza i viaggi della speranza.

Collaborazione

Hope va a sottolineare e rinsaldare lo stretto legame di collaborazione esistente tra OC e LUISAVIAROMA. Collaborazione che ha visto partecipare Opinion Ciatti a molti progetti della società guidata da Andrea Panconesi; dall’edizione numero 10 di Firenze4Ever, a numerose campagne di comunicazione, da Eyes on You l’istallazione realizzata da LVR per il Fuorisalone 2015 e ospitata nello showroom di Milano fino a Design on Water. Opinion Ciatti realizza inoltre per LUISAVIAROMA prodotti in esclusiva che possono essere acquistati solo attraverso il portale. Gli stessi pouf La Cima, progettati appositamente per Hope, sono in vendita su www.luisaviaroma.com dal giorno di apertura dell’evento.
<>

Location

Hope è stata ospitata su uno dei 9 cubi fluttuanti che hanno composto “The Bridge of Love”. L’installazione progettata dall’Architetto Claudio Nardi è stata concepita come simbolo della volontà di infondere hope, speranza a coloro che si trovano ad affrontare condizioni di difficoltà. Un ponte sull’Arno per omaggiare, trasformandolo in insolito spazio espositivo, il fiume che nella storia della città di Firenze è stato tutto, e la cui presenza oggi è quasi data per scontata.

Hope concept by Lapo Ciatti | Design on Water
Underwater Love | 13° edizione Firenze4Ever by LUISAVIAROMA
The Bridge of Love | Firenze, Lungarno Serristori, Piazza Poggi
15–17 giugno 2016

#OCHope #FollowYourRoots

53_image2s_new_format_lvr_4_ 53_image3s_new_format_pietro_5_ 53_image4s_new_format_lvr_5_ 53_image5s_new_format_lvr_8_ 53_image6s_new_format_dsc00920