OpinionCIATTI
CSC


CSC

design Bruno Rainaldi

L’apertura di un qualunque cantiere edile è sempre testimone di un gesto consueto come una leggenda tramandata. Muratori, pochi cenni, qualche tavola di abete residuo di un cantiere ormai concluso, una manciata di chiodi.
Le tavole macchiate di calce vengono unite tra loro da lunghi chiodi, anche storti, anche arrugginiti, con pochi colpi di martello decisi. Servirà per appendere i loro vestiti. Non ho mai saputo resistere all’osservazione di queste spontanee “opere funzionali” nei tanti cantieri che ho frequentato. Magnifiche nel loro minimalismo reali e stupefacenti nella loro funzione. Gli abiti a loro appesi, assente il nero della moda, per un immutato neorelismo dopoguerra, appaiono come magistrale styling per uno shooting.
CHIODO SCHIACCIACHIODO. Un chiodo in fusione, in argento, in oro o nickel nero, semplicemente infilato nel muro.

BR

22_image2s_new_format_1 22_image3s_new_format_csc 22_image4s_new_format_03 22_image5s_new_format_lapociattiop52952_web